NEWS >>>

loginpa

infofisco

microservicepa

17 ottobre 2014

TASI SUI FABBRICATI RURALI

La TASI grava anche sui fabbricati impiegati nell’attività agricola.
Tali immobili possono essere classificati come “rurali” se rispettano determinate condizioni.

Concetto di fabbricato rurale - Il fabbricato è rurale, infatti, solo se rispetta i requisiti di cui all'articolo 9 del D.L. 557/93; inoltre, la qualifica deve risultare anche dal l'iscrizione catastale nella apposita categoria:
 A/6 per le abitazioni;
• D/10 per i fabbricati strumentali;
o, in alternativa, questi immobili sono contraddistinti dalla sigla "R" o comunque il proprietario deve avere trasmesso in catasto l'autocertificazione attestante la ruralità.

Se sono stati esentati da IMU per il 2012 e 2013, ai sensi dell’art. 9, comma 8, del D.Lgs. n.23/2011esclusivamente i fabbricati rurali a uso strumentale, ubicati nei comuni classificati montani o parzialmente montani, di cui all’elenco dei comuni predisposto dall’Istat; dal 2014 sono invece tutti esenti da IMU.
Secondo quanto disposto dall’art.1 comma 708 della L. 147/2013 sono invece soggetti a TASI.

Facciamo, tuttavia, una distinzione tra fabbricati rurali abitativi fabbricati rurali strumentali, dato che vi sono profili di imposizione diversi.

FABBRICATI RURALI ABITATIVI - Per i fabbricati rurali a uso abitativo, i Comuni possono prevedere la riduzione o l'esonero dal pagamento dell'imposta.
Le abitazioni rurali utilizzate dai lavoratori dipendenti impiegati in azienda agricola, per un numero di giornate annue superiore a 100, sono considerati fabbricati strumentali e seguono le regole degli stessi (aliquota massima dell’1 per mille).
Se il fondo rustico è concesso in affitto, la Tasi è dovuta dall'affittuario nella percentuale stabilita dal Comune (dal 10 al 30%).
Se il fabbricato è abitativo:
• non è dovuta la Tasi o è dovuta in misura ridotta, qualora la delibera del Comune abbia previsto l'esclusione o la riduzione dell'imposta;
• è dovuta la Tasi con l'aliquota stabilita dal Comune, qualora questi abbiano provveduto a inviare la delibera entro le scadenze previste;
• è dovuta la Tasi con aliquota 1 per mille (ma il versamento va fatto entro il 16 dicembre 2014) nel caso in cui il Comune non abbia provveduto all'invio delle delibere al MEF.

FABBRICATI RURALI STRUMENTALI - Per i fabbricati rurali strumentali l'aliquota non può eccedere l’1 per mille e per il Comune non è possibile in alcun caso aumentarla né applicare le maggiorazioni, in quanto il comma 678 dell'articolo 1 della Legge 147/2013, stabilisce che l'aliquota non può comunque superare tale aliquota; i fabbricati rurali abitativi rientrano invece tra quelli per i quali i Comuni possono deliberare la riduzione dell'aliquota o l'esenzione.

Se il fabbricato è strumentale:
• la Tasi è dovuta con l'aliquota fissata dalla delibera dei Comuni se questa è inferiore all'1 per mille, ovvero non è dovuta se il Comune ha deliberato di non adottarla.
• è dovuta la Tasi con aliquota pari all'1 per mille in tutti gli altri casi (entro il 16 ottobre se la delibera è stata adottata, entro il 16 dicembre se il Comune non ha adottato la delibera).

Si ricorda che i terreni agricoli sono esenti sempre e comunque dall'imposta.

Per le aree edificabili resta salvo quanto stabilito dall'articolo 2, comma 1, D.Lgs. 504/92, secondo cui non si considerano fabbricabili i terreni posseduti e condotti dai coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali.
Autore: Redazione Fiscal Focus
 
Copyright © 2017 Geropa Srl - Gestione Entrate e Riscossione Entrate Locali
Powered by Geropa