NEWS >>>

loginpa

infofisco

microservicepa

20 gennaio 2016

BLOCCO TASSE LEGGE DI STABILITA' 2016: TUTTE INCLUSE?

L'entrata in vigore della nuova Legge di Stabilità 2016 porta con sé un'interessantissimo divieto. Lo Stop all'aumento di imposte e tasse negli enti locali nel 2016, difatti per l'anno in corso non è consentito innalzare il livello della pressione fiscale, poiché alle amministrazioni è impedito di aumentare aliquote a tariffa rispetto a quelle deliberate nel 2015.

Sono però veramente tutte incluse in quest’operazione di blocco delle tasse?

Approfondendo la lettura della Legge possiamo rilevare che da queste vengono escluse dal blocco la Tari e tutte le entrate che hanno natura patrimoniale, come il canone occupazione spazi e aree pubbliche, il canone idrico e a seguire. Altro importante accorgimento è che non sono soggetti al vincolo gli enti che hanno deliberato il predissesto o il dissesto.
L'articolo 1, comma 26, della legge di stabilità 2016 (208/2015), pertanto, non consente di introdurre nuovi tributi, se già non istituiti con regolamento comunale negli anni precedenti.
È disciplinato, inoltre, il blocco dei tributi, che impedisce aumenti di aliquote e tariffe e delle addizionali per il 2016, a prescindere dal momento in cui siano state adottate le relative delibere. Anche qui, però, dobbiamo constatare che non rientra nel blocco solo la Tari, il cui gettito serve a coprire integralmente il costo del servizio di smaltimento rifiuti. Possono, pertanto, deliberare gli aumenti di aliquote e tariffe solo gli enti locali che abbiano deliberato il predissesto o il dissesto.
Per quanto attiene agli effetti del blocco, possiamo consultare anche una pronuncia della Corte dei Conti, la quale sosteneva che è preclusa anche l'istituzione di nuovi tributi (imposta di scopo, imposta di soggiorno, imposta di sbarco, addizionale Irpef).

La ratio di tale operazione è quella di impedire l'introduzione di nuovi cavilli al fine di evitare un aumento dell'imposizione a livello locale. Peraltro, non solo è impossibile ritoccare in aumento aliquote o tariffe, ma è anche escluso che possano essere aboliti benefici già deliberati dagli enti (riduzioni di aliquote, detrazioni), che comunque inciderebbero sul carico fiscale e produrrebbero un innalzamento della tassazione. Questi vincoli, però, come già sottolineato non producono effetti per le entrate che hanno natura patrimoniale o extratributaria. Al riguardo, dubbi e incertezze sono emerse in queste ultime settimane sulle entrate che devono sottostare al divieto imposto dalla legge e questo dipende anche dalla loro controversa natura, ad esempio è specificato che il canone per l'installazione dei mezzi pubblicitari, pur essendo di natura patrimoniale, è soggetta al blocco in quanto la qualificazione giuridica di entrata fiscale è stata riconosciuta al Cimp dalla Consulta.
 
Copyright © 2017 Geropa Srl - Gestione Entrate e Riscossione Entrate Locali
Powered by Geropa