NEWS >>>

loginpa

infofisco

microservicepa

15 febbraio 2017

IL PROCESSO TRIBUTARIO TELEMATICO E LA SUA ESTENSIONE

Dal 1° gennaio 2016 sono entrate in vigore le nuove norme sul contenzioso tributario, introdotte dal D.Lgs. n. 156/2015, nel quale si dà dunque largo spazio alla digitalizzazione del processo tributario. Con la telematizzazione, gli atti viaggiano, via PEC, in formato digitale e, avverranno tutte le notificazioni e comunicazioni del processo. 

Tutto ruota, e sempre di più ruoterà, intorno ad un sistema informatico messo a punto dal Ministero, il Sistema Informativo della Giustizia Tributaria (S.I.Gi.T.), al quale possono accedere - previa autenticazione - i giudici tributari, le parti del processo, i procuratori e difensori (avvocati, dottori commercialisti, consulenti del lavoro ecc.), il personale abilitato delle segreterie delle Commissioni tributarie, i consulenti tecnici e altri soggetti, quali organi tecnici dell'Amministrazione dello Stato o di altri enti pubblici compreso il Corpo della Guardia di finanza. 
La piattaforma contiene le informazioni relative alla organizzazione delle Commissioni tributarie e alla modulistica utilizzata, garantendo l’accesso ai servizi telematici riservati ai contribuenti ed agli operatori di settore (“telecontenzioso” e “prenotazione on line” degli appuntamenti). Il sistema è entrato in vigore il 1° dicembre 2015 interessando le commissioni tributarie di Toscana ed Umbria, per poi essere esteso, dopo una prima fase di rodaggio, a tutto il territorio nazionale. 

Dunque, il processo tributario si rinnova, e lo ha fatto secondo uno schema cronologico ben delineato. Dal 1° dicembre 2015, divenuto pienamente operativo, anche se solo nelle Commissioni tributarie provinciali e regionali dell’Umbria e della Toscana, con il 1° gennaio 2016, sono entrate in vigore la quasi totalità delle nuove norme contenute nel D.Lgs. 24 settembre 2015, n. 156 che ha riformato la disciplina del contenzioso tributario, in attuazione della delega fiscale contenuta nella legge n. 23/2014. Infine nel corso del 2017 il processo tributario telematico sarà esteso a undici regioni e due province autonome. L’estensione pertanto è avvenuta in modo differito a seconda delle diverse regioni.

- 1° dicembre 2015 per le Commissioni tributarie presenti nelle regioni Toscana e Umbria;

- 15 ottobre 2016 per le Commissioni tributarie presenti nelle regioni Abruzzo e Molise;

- 15 novembre 2016 per le Commissioni tributarie presenti nelle regioni Liguria e Piemonte;

- 15 dicembre 2016 per le Commissioni tributarie presenti nelle regioni Emilia-Romagna e Veneto;

- 15 febbraio 2017 per le Commissioni tributarie presenti nelle regioni Campania, Basilicata e Puglia

- 15 aprile 2017 per le Regioni Friuli-Venezia Giulia, Lazio e Lombardia;

- 15 giugno 2017 per le Regioni Calabria, Sardegna e Sicilia;

- 15 luglio 2017 per le Regioni Marche e Val D'Aosta e le Province autonome di Trento e Bolzano.

Entro il 15 luglio 2017 si completerà l’estensione del Processo Tributario Telematico a tutte le Commissioni tributarie italiane, con significativi vantaggi per tutti gli operatori del settore, in termini di riduzione di costi, semplificazione e celerità degli adempimenti processuali, ed effetti indiretti anche sulla durata del processo tributario. 
Tale innovazione si inserisce nel processo di semplificazione dei rapporti tra fisco e contribuenti.

Ci sembra evidente ragionare in termini di realtà del Processo Tributario Telematico. L’ufficialità è senza alcun dubbio da rimandare alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale del 10 agosto 2015, numero 184, del decreto del Direttore Generale delle Finanze, 4 agosto 2015, con il quale si sono mossi i primi passi verso tale rivoluzione, istituendo le regole in prima istanza solo per le Commissioni Tributarie della Toscana e dell’Umbria. Mentre, con i decreti del Direttore Generale delle Finanze, 30 giugno 2016 (G.U. n° 161 del 12/07/2016) e 15/12/2016 (G.U. Serie generale n° 298 del 22/12/2016), le predette regole tecniche sono state estese a tutto il territorio nazionale, i decreti, inoltre danno attuazione al Regolamento che disciplina l'uso di strumenti informatici e telematici nel processo tributario (decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 23 dicembre 2013, n° 163).


In definitiva, appare evidente che le modalità di applicazione della materia avranno un impatto notevole sull’intero sistema del contenzioso tributario rendendolo più efficiente e al passo con l’attuale era improntata sulla digitalizzazione. Ciò comporta però una riformulazione di processi, attività e modi di operare, sia da parte della Pubblica amministrazione sia, soprattutto, da parte di chi, per professione, si occupa della difesa dei contribuenti innanzi alle Commissioni tributarie.
 
Copyright © 2017 Geropa Srl - Gestione Entrate e Riscossione Entrate Locali
Powered by Geropa