NEWS >>>

loginpa

infofisco

microservicepa

4 gennaio 2018

ANCORA NOVITA' DALLA LEGGE DI BILANCIO 2018

E’ stata approvata la legge di bilancio dello stato con la legge 27 dicembre 2017 n. 205 per l’anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020, gli interventi sulla fiscalità locale confermano una situazione statica che non riserva novità, viene confermato il blocco della potestà impositiva in continuità con la decisione inserita sulla legge di stabilità n. 208/2015 che deve essere analizzata sulla base delle deroghe ammesse. Gli aspetti sui quali focalizzare l’attenzione sono:

1. Estensione al 2018 del potere di incremento dei tributi locali ad eccezione della Tari


2. Conferma della maggiorazione TASI


Il comma 37 dell’articolo 1 della legge 205/2017 prevede che all’articolo 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 26, le parole: «e 2017» sono sostituite dalle seguenti: «2017 e 2018» e dopo il primo periodo è aggiunto il seguente «Per l’anno 2018 la sospensione di cui al primo periodo non si applica ai comuni istituiti a seguito di fusione ai sensi degli articoli 15 e 16 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n 267, al fine di consentire, a parità di gettito, l’armonizzazione delle diverse aliquote»

b) al comma 28, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: «Per l’anno 2018, i comuni che hanno deliberato ai sensi del periodo precedente possono continuare a mantenere con espressa deliberazione del consiglio comunale la stessa maggiorazione confermata per gli anni 2016 e 2017».


3. La soppressione della norma che prevedeva il requisito di iscrizione all’albo della riscossione per l’espletamento dei servizi di supporto


Il comma 39 dell’articolo 1 della legge di bilancio 205/2017 dispone:

All’articolo 1, comma 11, del decreto-legge 16 ottobre 2017, n. 148, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 dicembre 2017, n. 172, il secondo periodo è soppresso. L’articolo inserito nel maxiemendamento e ora abrogato prevedeva che Per la tutela dell’integrità dei bilanci pubblici e delle entrate degli enti territoriali, nonché nel rispetto delle disposizioni contenute nel decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, le funzioni e le attività di supporto propedeutiche all’accertamento e alla riscossione delle entrate degli enti locali e delle società da essi partecipate sono affidate a soggetto iscritti all’albo previsto dall’articolo 53 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446. Via libera alle attività di supporto anche ai non iscritti all’albo


4. Modifiche al servizio di notificazione a mezzo della posta al fine di completare la liberalizzazione dei servizi postali


Articolo 1 comma 461, modifiche postali alla Legge 890/82 (notificazione AG): la legge di bilancio riserva importanti modifiche alla legge 20 novembre 1982 n. 890 scritte nel complesso comma 461 dell’articolo 1, per dare completa attuazione al processo di liberalizzazione della comunicazione a mezzo posta, delle notificazioni di atti giudiziari e di violazioni del Codice della strada, previsto dall’ultima legge annuale per il mercato e la concorrenza (legge n. 124 del 2017). Numerose le modifiche apportate in diversi articoli della legge sulla notifica mediante modalità atti giudiziari, che comprende l’obbligo di indicare la pec per i soggetti obbligati ad averla


5. Estensione al 2018 della deroga dei coefficienti TARI


Articolo 1 comma 38. Proroga coefficienti TARI IN DEROGA LIMITI 50%. Il comma 38 dell’articolo 1 della legge 205/2017 prevede che all’articolo 1, comma 652, terzo pe riodo, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, le parole: «e 2017» sono sostituite dalle seguenti: «2017 e 2018». 
Novità descritta nell’articolo LEGGE BILANCIO 2018: LE NOVITÀ PER I TRIBUTI LOCALI
 
Copyright © 2017 Geropa Srl - Gestione Entrate e Riscossione Entrate Locali
Powered by Geropa